Archivio Luigi Nono

VENEZIA, Giudecca 619-621

Tipologia archivio:

Nella primavera del 1993, gli eredi di Luigi Nono affittarono il piano terra del cinquecentesco Palazzo Foscari sul Canale della Giudecca: risale al dicembre di quell'anno l'atto di costituzione dell'Associazione Archivio "Luigi Nono" (i cui soci fondatori furono Nuria Schoenberg Nono, Silvia Nono, Serena Nono, Rina Nono, Stefano Bassanese, Massimo Cacciari, Mario Messinis, Gianni Milner, Giovanni Morelli, Veniero Rizzardi, Emilio Vedova, Alvise Vidolin). Dal 2000 al 2006 Erika Schaller è stata alla direzione artistica dell'Archivio.
Nel 1994 la Regione del Veneto dichiarò l'Archivio di «interesse locale» e nel 2000 la Soprintendenza Archivistica per il Veneto lo dichiarò «di notevole interesse storico».

Dal 1 novembre 2006 l'Archivio "Luigi Nono" ha trovato collocazione nella Sala delle Colonne dell'ex Convento dei SS. Cosma e Damiano, sede assegnatagli dalla Direzione patrimonio e politiche della residenza di Venezia. Il 10 novembre dello stesso anno si è sciolta l'Associazione e costituita la Fondazione Archivio "Luigi Nono" onlus, con un nuovo organigramma e un nuovo direttore artistico, Claudia Vincis.

Nel marzo del 2007, la Prefettura di Venezia conferisce alla Fondazione la personalità giuridica e la nuova sede dell'Archivio "Luigi Nono" è inaugurata alla presenza del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, del Sindaco di Venezia, del Presidente della Regione e del Presidente della Provincia di Venezia.
A partire dalla sua costituzione legale, l'Archivio ha goduto di finanziamenti pubblici, di sponsor nazionali e internazionali, di generosi contributi privati (in particolare degli Amici della Fondazione Archivio "Luigi Nono") e del prezioso volontariato di collaboratori e studiosi che hanno garantito nel tempo continuità del servizio al pubblico e crescita delle iniziative.

«La Fondazione ha per scopo statutario la tutela, la promozione e la valorizzazione delle fonti relative all'opera di Luigi Nono».
A tal fine l'Archivio ha promosso, e continua a promuovere, attività di catalogazione, conservazione e digitalizzazione dei propri fondi nonché la ricerca e l'acquisizione di nuove fonti primarie e secondarie riguardanti la vita e le opere di Luigi Nono.

L'archivio garantisce assistenza quotidiana ai suoi utenti (studiosi, artisti, musicisti, direttori artistici, editori), visite guidate per studenti di scuole, conservatori ed università, per ricercatori e per chiunque sia interessato ai materiali ivi conservati. L'archivio promuove inoltre stage e tirocini per introdurre a problemi di archivistica nel settore della musica contemporanea (valevoli ai fini dell'acquisizione di crediti formativi per gli studenti del Tarsdell'Università Ca' Foscari di Venezia) e convenzioni con università italiane e straniere.

A indirizzo scientifico sono i convegni con scadenza biennale (Presenza storica di Luigi Nono, in collaborazione con l'Università di Padova nel dicembre 2006, in continuità con il Convegno Luigi Nono. Musica e impegno politico nel secondo Novecento, tenutosi a Venezia nel 2004, per citare i più recenti);
la promozione e l'allestimento di mostre su/e intorno a Luigi Nono (come ad esempio la mostra biografica Luigi Nono 1924-1990, Mestre 2004, e la mostra Nono Vedova-Diario di bordo, allestita a Roma e a Venezia nel 2005); la collaborazione all'organizzazione di festival e di concerti incentrati sull'opera di Luigi Nono; la consulenza agli interpreti e agli editori; la realizzazione di videointerviste a protagonisti (collaboratori, interpreti, amici) della vita del compositore; la pubblicazione di carteggi, scritti, colloqui, materiali del fondo del compositore.